Nuoto Trofeo Gold 2012
Un bottino davvero sostanzioso quello portato a casa dai giovani nuotatori della Canottieri Arno alla fine del Trofeo Gold che si è tenuto a Cecina. In totale il medagliere rossocrociato si è arricchito con tre ori, sette argenti e sei bronzi. Ottime anche le quarte posizioni che ammontano a ben otto.
A salire sul gradino più alto del podio sono stati Laurent del Gratta (categoria unica), ennesima conferma, nei 50 e nei 100 rana e Alessia Coniglio (categoria Ragazzi) nei 100 rana. Il secondo posto è stato conquistato da Beatrice Raspolli (categoria Unica) nei 50 e nei 100 rana oltre che nei 100 misti, da Shannon Ciavattini (categoria Ragazzi) nei 200 misti, da Francesca Baroni (categoria Ragazzi) nei 100 misti da Filippo Lupetti (categoria Ragazzi) ancora nei 100 misti e da Carlotta Logli (categoria unica) nei 200 misti.

Terzo posto, infine, per Shannon Ciavattini nei 200 stile libero, Bartolomeo Tosi (categoria Juniores) nei 50 farfalla, Alice Bagnoli (categoria Unica) nei 200 stile libero, Marco Battaglia (categoria Juniores) nei 50 dorso, Alessia Coniglio nei 200 misti e Elisa Mambrini (categoria Unica) nei 100 rana.

“Al Trofeo Gold, la Canottieri Arno si è classificata sesta su dodici società con 237,5 punti- commentano soddisfatti gli allenatori Claudio Carlini e Valentina Nevoni -. Un risultato davvero ottimo se si pensa che alle file della nostra società mancavano alcuni tra gli atleti di punta come Simone Taccola, Thomas Rofrano e Marco Bonasera”. Questi tre atleti, infatti, cresciuti nel vivaio della Canottieri Arno dove si sono distinti per le loro qualità anche a livello nazionale, passeranno la stagione appena iniziata con la tessera della Team Nuoto Lombardia MGM, la stessa che qualche settimana fa ha tesserato il campione Filippo Magnini.

Un motivo di orgoglio sia per i tre ragazzi scelti dalla società lombarda che per la Arno che li ha allenati finora e che li avrà ancora nella squadra il prossimo anno. Inoltre vale la pena sottolineare che il sesto posto è arrivato nonostante la gara fosse aperta anche agli esordienti A ma la Arno avesse deciso di non portare atleti di quella categoria.