gaia nencini convocata ai mondiali di canottaggio
Gaia Nencini ha raggiunto il primo obiettivo: la convocazione per i Mondiali U23 di Canottaggio è confermata e l’atleta della Canottieri Arno è già in viaggio con il resto della squadra verso Linz, in Austria, dove si svolgeranno le gare dal 24 al 28 luglio prossimi.
E in attesa di salire sull’aereo che la porterà fino all’appuntamento più importante della sua carriera agonistica, Gaia ci tiene a sottolineare a ringraziare prima di tutti una persona: “Nicola Iannucci, il mio allenatore, senza di lui non sarei mai arrivata a questo punto”.

Una selezione dura, quella che ha preceduto la formazione della squadra azzurra. “Abbiamo fatto dieci giorni di prove ininterrotte sulla velocità per decidere gli equipaggi delle barche – racconta Gaia dal gate di Fiumicino – e solo martedì scorso ci hanno comunicato le formazioni. Vedere mandare via le altre ragazze è stato difficile. Non pensavo di potercela fare”. Non solo Gaia ha superato brillantemente le selezioni, ma è anche stata scelta come capovoga della barca del quattro senza con la quale adesso punta a raggiungere il podio mondiale. “Capovoga – sottolinea la giovane atleta della Arno -: e chi se l’aspettava? E ora che l’adrenalina è al massimo devo dare il meglio di me”.

Emozionato, naturalmente, anche Nicola Iannucci, da sempre allenatore di Gaia alla Canottieri Arno. “Per me è come una figlia – spiega il tecnico -, la alleno da 12 anni: lei è cresciuta con me e io con lei come allenatore. Abbiamo un rapporto speciale e allo stesso tempo complicato”. “Il suo carattere determinato ne fa un’atleta di ottimo livello – continua Iannucci -, ma anche un elemento indispensabile per il gruppo, sempre positiva e divertente”.

Non è stato facile arrivare a questo punto che è già un successo per l’atleta, per il suo allenatore e per la società. “C’è stato un momento in cui sembrava essere fuori dai giochi – racconta Iannucci -. Ma lei ha creduto nel suo im pegno e nello sport che ama. E il risultato è arrivato”. “Gaia Nencini porterà nell’Unde 23 mondiale i colori di Pisa e della Canottieri – conclude l’allentatore – e siamo sicuri che ci farà ancora una volta essere orgogliosi di lei”.