E’ una trasferta impegnativa quella che i ragazzi di Nicola Iannucci stanno affrontando nella prima gara nazionale di velocità che si disputa a Piediluco in questo fine settimana. Dopo i test di Ravenna e Sabaudia, questa volta si scende in acqua su quel lago dove tradizionalmente la Nazionale Italiana prepara i suoi equipaggi, facendo base proprio al Centro Federale posto appena fuori del paese umbro. Con un po’ di amarezza la squadra di Iannucci dovrà fare a meno della sua atleta di punta, Silvia Terrazzi, costretta a casa per i postumi di un fastidioso infortunio.

E al team rossocrociato mancherà anche, per la prima volta in questa stagione, un’altra atleta di indubbio valore e impeto: si tratta di Gaia Nencini impegnata negli Stati Uniti dove sta perfezionando studi e canottaggio presso il College di Clemson in South Carolina. La squadra però si presenta già agguerrita e vede Gaia Fabozzi e Agnese Ribechini impegnate in singolo e in doppio nella categoria ragazze, mentre Emanuele Giarri che si presenterà in singolo e in doppio con Andrea Grassini. Sempre nella categoria ragazzi, la Canottieri Arno presenta un quattro di coppia composto da Francesco Gadducci, Stefano Ponziani, Tommaso Del Lucchese e Daniele Sbrana. Nella categoria junior Luca Romani è iscritto in singolo e sulla stessa barca proverà anche nella categoria superiore dei pesi leggeri Under 23. Sempre tra i junior, due atleti rossocrociati di buon livello saranno impegnati con barche multiple in equipaggi misti formati anche da canottieri di altre Società. Chiara Cianelli sarà sul due senza con Allegra Francalacci della Cavallini Calcinaia e sul quattro senza insieme, oltre che ad Allegra, anche a Marta Sorrentino della Giacomelli ed Elisa Bernardini dei VVF Tomei Livorno. Anche Francesco Vanni continuerà la sua esperienza sul quattro senza della Canottieri Limite, già collaudato nelle gare di inizio anno.
Sempre durante questo fine settimana Piediluco ospita anche la regata TRio 2016, l’acronimo sta per “trio”, con tre giorni di competizioni in tre specialità diverse, ma ovviamente strizza l’occhio a “Rio 2016”, data delle prossime Olimpiadi. Questa manifestazione di Alta Qualificazione riservata agli atleti ed atlete Senior e Pesi Leggeri di interesse nazionale è basata su una formula agonistica particolare volta a testare gli atleti in odore di nazionale. A rappresentare la Arno c’è Mirko Fabozzi, impegnato con equipaggi universitari.