Gaia Nencini, atleta pisana della Canottieri Arno già plurimedagliata a livello internazionale giovanile, ha partecipato nel weekend scorso alla cinquantesima edizione della “Head of the Charles” di Boston, una delle più importanti competizioni remiere americane aperta a molte specialità e categorie, che può vantare la partecipazione dei migliori equipaggi mondiali e l’attenzione di migliaia di spettatori.

Studentessa dell’Università di Clemson da gennaio di quest’anno, dopo che al termine di un mondiale in cui Gaia vestiva i colori della nazionale azzurra, un reclutatore le offrì un’opportunità unica, ovvero passare quattro anni negli Usa in un college che vanta una competitiva squadra di canottaggio femminile composta da ben settanta atlete, in South Carolina Gaia segue i corsi di “Business and management” e allo stesso tempo si allena nel canottaggio ad un ritmo davvero intenso.
Gaia è stata selezionata come capovoga del giovanissimo equipaggio della Clemson Women University che è stato impegnato nella “Women’s Championships Eights”, una delle gare più attese della grande competizione che si svolge su un percorso di 4.800 metri sul fiume Charles di Boston, e che si è confrontato con realtà ben più consolidate e atlete più anziane ed esperte. Insieme all’altra italiana Aurelia Wurzel, Gaia ha avuto il suo battesimo di ambito americano classificandosi al ventunesimo posto su 34 equipaggi; in una gara che ha visto trionfare Cambridge col tempo stratosferico di 15’44”79, le campionesse della Clemson hanno concluso con merito a 2’30”.
La Federazione italiana di canottaggio punta molto su Gaia Nencini e la compagna di squadra, che la stessa federazione definisce “importanti atleti del nostro vivaio nazionale”, ricordando “la rilevanza partecipativa con le rispettive squadre societarie alla attività di vertice nazionale, ma anche in maglia azzurra, impegno che dopo le nuove esperienze americane potrà essere valorizzato nella futura stagione nazionale”.

Il Consiglio direttivo della Canottieri Arno, saluta con grande soddisfazione la partecipazione di Gaia Nencini alla cinquantesima edizione della regata “Head of the Charles”, nella convinzione che l’esperienza americana potrà arricchire il bagaglio sportivo e personale della giovane atleta e rappresentare uno stimolo a migliorarsi e a raggiungere nuovi ed importanti obiettivi, anche per i compagni di squadra della storica società remiera pisana, che nella scorsa stagione ha raccolto allori nelle principali competizioni nazionali e internazionali e nel 2015 festeggia il 110° anno di attività sportiva.